come-aprire-un-conto-corrente-bancario_c220d15346dd644a4e8f27b94e663d4c

Apertura del conto corrente: guida passo a passo

Aprire un conto corrente: la procedura

La prima cosa da fare per aprire un conto corrente è individuare la banca presso la quale si desidera aprire il conto. I criteri per la scelta sono moltissimi e possono andare dalla vicinanza della filiale al luogo di lavoro o di residenza, fino al massimo risparmio possibile.

Una volta individuata la banca, fisica o online che offre il conto più conveniente per le proprie esigenze (rimandiamo alla scheda specifica per capire come trovare la banca più conveniente), è necessario avere a portata di mano il codice fiscale e la carta di identità. Nel caso in cui il conto corrente venga aperto online, sarà necessario avere una copia digitale dei propri documenti.

Per le persone che risiedono in Italia da breve periodo potrebbe essere richiesta anche copia del passaporto ed eventualmente del permesso di soggiorno valido.Nel caso in cui il conto sia intestato a più persone sarà necessario presentare i documenti di tutti gli intestatari, mentre per i conti destinati ai minori dovranno essere presentati anche i documenti dei genitori o di chi ne esercita la tutela.

Nel caso in cui si sia già in possesso di un conto corrente presso un’altra banca o presso una filiale diversa dello stesso istituto bancario, sarà necessario avere anche l’IBAN, cioè il codice che identifica in maniera univoca il conto corrente bancario (si trova sui documenti relativi al conto, ed è lo stesso codice utilizzato per ricevere i bonifici).

Alla richiesta di apertura di un conto corrente, vengono richiesti anche i dati anagrafici e personali dell’intestatario (o degli intestatari). Di solito la banca richiede anche informazioni aggiuntive non presenti sui documenti di identità, come la professione o il titolo di studio. Una volta acquisiti i documenti, la banca compila ed mette i contratti ed i fogli informativi relativi al conto, che il cliente è invitato a sottoscrivere. Nel caso in cui si stia aprendo un conto corrente online la banca può procedere in due modi diversi:

Inviare i documenti al domicilio dell’intestatario, che dovrà restituirli in originale e firmati in tutte le loro parti.
Attivare un servizio di firma digitale, che permette la sottoscrizione a distanza dei moduli. In questo caso si consiglia sempre di salvare o di stampare una copia di tutta al documentazione firmata.

Tempi di apertura del conto corrente

L’apertura del conto corrente è di solito immediata: una volta acquisiti i documenti la banca ne controlla la veridicità e la completezza e dà poi il benestare per l’apertura del conto corrente. Alcuni istituti bancari richiedono che il cliente effettui un deposito, anche minimo.

Il trasferimento del conto da un altro istituto

Nel caso in cui l’apertura di un nuovo conto corrente corrisponda alla chiusura di uno precedentemente posseduto presso un istituto bancario diverso, potrebbero essere necessari diversi giorni affinché la chiusura del conto in essere venga completata. Questo non dipende dalla banca presso al quale si è deciso di aprire un nuovo conto corrente, ma dalla banca precedente, che potrebbe impiegare molti giorni (ma in alcuni casi anche settimane), prima di portare a termine il processo di chiusura. Sebbene i tempi per la chiusura di un conto corrente siano sottoposti a dei limiti massimi, è pur vero che questa operazione potrebbe protrarsi nel tempo. Per conoscere la tempistica massima consentita è necessario fare riferimento al contratto firmato all’apertura del conto.

Siccome talvolta il processo di chiusura impiega diverse settimane prima di essere completato, il cliente potrebbe trovarsi ad avere più di un conto corrente aperto. Questo non rappresenta comunque un problema per alcun motivo, ed anzi potrebbe rivelarsi addirittura utile in caso di problemi o ritardi nel trasferimento degli addebiti diretti autorizzati sul conto corrente.

Come aprire un conto online

Come abbiamo già avuto modo di dire in precedenza, aprire un conto corrente online non è molto diverso dall’aprire un conto presso uno sportello bancario. Anzi, l’apertura di questo tipo di conto presenta dei vantaggi già dalle fasi di presentazione dei documenti: infatti tutte le operazioni possono essere effettuate comodamente da casa, senza la necessità di recarsi presso un istituto bancario, e quindi senza vincoli di orario.

Come anticipato sarà s avere a portata di mano un documento di identità ed il codice fiscale, possibilmente già in formato digitale (un’operazione che richiede pochi minuti grazie all’utilizzo di uno scanner o di un qualsiasi dispositivo mobile).

Perché conviene aprire un conto online?

Come abbiamo già detto, l’apertura di un conto corrente online è un’operazione che permette di risparmiare tempo, in quanto può essere effettuata in qualsiasi luogo, in qualsiasi giorno ed a prescindere dagli orari di apertura della banca. L’apertura di un conto corrente online ha però anche altri vantaggi.

Innanzitutto permette al cliente di prendersi tutto il tempo necessario per leggere con attenzione i documenti, che invece spesso nelle filiali vengono fatti firmare senza avere nemmeno il tempo di valutarli. In secondo luogo la diffusione sempre maggiore dell’utilizzo di internet anche sui dispositivi mobili ha fatto sì che anche i siti delle banche si adeguassero, rendendo disponibili app e siti perfetti anche per la navigazione da tablet e smartphone.

Aprire un conto online infine equivale ad avere la possibilità di confrontare tra loro un numero anche elevato di conti correnti e di istituti bancari, senza la necessità di doversi recare fisicamente presso le diverse banche. In questo modo il cliente può essere certo di avere la possibilità di trovare il conto più conveniente per le proprie esigenze, anche dal punto di vista del risparmio.

A questo scopo possono essere molto utili i siti di comparazione tra diversi conti correnti bancari, che un po’ come avviene per le assicurazioni, restituiscono i risultati più vantaggiosi mostrando i conti che più soddisfano i parametri richiesti (tra quelli presenti nelle banche utilizzate per il confronto).