Qual è la banca più sicura? Guida per riconoscere l’affidabilità degli istituti bancari

Le caratteristiche di un conto corrente bancario sono molto importanti, ma altrettanto importante è anche la sicurezza della banca che offre il conto stesso; l’affidabilità, insieme ad altre caratteristiche dei conti, è uno degli aspetti principali da considerare per capire quale banca scegliere. Come capire se una banca è sicura e i nostri risparmi sono in buone mani?

Il parametro più noto per giudicare l’affidabilità di un istituto bancario è il cosiddetto rating. Il termine significa semplicemente giudizio o valutazione, ma viene utilizzato in ambito finanziario per indicare il grado di affidabilità assegnato dalle agenzie internazionali. I giudizi di rating vengono emessi periodicamente sulle banche, ma anche su moltissimi altri tipi di istituzioni ed organizzazioni, non ultimi, gli stati.
Per quanto riguarda le banche il rating è un parametro internazionale che permette di valutarne immediatamente la solidità e l’affidabilità. Il voto viene espresso tramite una sigla composta dalla combinazione di una, due o tre lettere, con l’aggiunta dei segni – o + o di un numero, a seconda dell’istituto che ha emesso il rating (ad esempio AA+).

La lettera A corrisponde al giudizio migliore, mentre alla lettera D corrisponde il giudizio peggiore della scala di valutazione.
In media gli istituti bancari presenti nel nostro paese sono ritenuti affidabili o molto affidabili, mentre il discorso potrebbe cambiare per alcuni istituti di credito all’estero. Non possiamo indicare in questa sede una classifica degli istituti bancari più o meno affidabili, perché il parametro è soggetto a modifiche periodiche, con dati che cambiano quindi in continuazione. Periodicamente le testate giornalistiche di argomento finanziario pubblicano questo tipo di giudizio, che in alcuni casi sono ripresi anche dagli stessi siti web delle banche.

L’affidabilità delle banche estere

Soprattutto chi intende aprire un conto corrente con una banca estera, sia dall’Italia sia dall’estero, dovrebbe quindi fare particolare attenzione al giudizio di rating.Per quanto riguarda le banche estere che operano in Italia solo tramite conti correnti online e non hanno una rete di filiali, è bene prestare attenzione ancora maggiore. L’affidabilità delle banche estere più note è giudicata come alta o molto alta, ma il discorso potrebbe essere diverso per le banche meno conosciute o per le banche locali di paesi stranieri.

Anche se la banca è ritenuta affidabile, potrebbe non esserlo lo stato dove ha questa ha la sede principale. Per questo motivo sarebbe bene considerare anche il rating del paese estero, soprattutto per gli stati extraeuropei, in quanto un eventuale default dell’economia nazionale potrebbe avere conseguenze anche sulle banche che in quel paese hanno sede, con conseguenze anche per i correntisti.

Autorizzazione a operare con i clienti italiani

Un altro aspetto a cui bisognerebbe fare attenzione nel valutare l’affidabilità di una banca è l’autorizzazione ad operare nel mercato italiano. Non è infatti scontato che tutte le banche estere possano offrire conti correnti o conti di tipo diverso agli utenti italiani.
Un esempio tipico in questo senso è quello dei conti di trading, cioè dei conti pensati per chi opera sui mercati finanziari. Moltissimi broker nazionali o internazionali offrono la possibilità di aprire un conto ai clienti italiani. Tuttavia non sempre essi hanno l’autorizzazione per operare con i clienti italiani. In questo senso il sito della Consob, l’ente che vigila sulle operazioni di borsa per il nostro paese, si dimostra utilissimo per verificare la presenza o meno di un’autorizzazione. Si presti inoltre attenzione al fatto che una volta ottenuta, l’autorizzazione può anche essere revocata per i motivi più diversi e quindi un broker autorizzato per le operazioni in Italia lo scorso anno potrebbe non esserlo ora, e viceversa. Si tenga però presente che la questione della revoca delle autorizzazioni, o della sospensione degli operatori da parte delle autorità giudiziarie, è una situazione non frequente e che non è in grado di compromettere il giudizio di affidabilità su tutto il settore.
Il caso dei conti trading appena descritto tuttavia è molto particolare, e non riguarda invece i conti correnti correnti per il trading offerti dalle banche nazionali e dalle più note banche internazionali che operano anche in Italia.

Le banche online sono sicure?

Un’ultima questione che vorremmo affrontare in merito alla sicurezza delle banche è quella sull’affidabilità della banche online. Ce ne siamo già occupati in altre sezioni del sito, ma è importante ribadire che l’esclusiva operatività online di una banca non ne compromette in alcun modo l’affidabilità e la sicurezza, al punto che le banche online possono essere considerate altrettanto affidabili quanto quelle che operano sui canali tradizionali. Anche le transazioni effettuate online possono essere considerate sicure in quanto controllate da sistemi di sicurezza che si sono evoluti all’evolversi delle banche online stesse e che raggiungono oggi il massimo grado di affidabilità per qualsiasi tipo di operazione bancaria, dal trasferimento di fondi alla consultazione dei dati, passando per i pagamenti online, oggi resi più sicuri che in passato grazie a sofisticati sistemi di controllo e di trasmissione dei dati.