Comparazione tra conti correnti: quali aspetti considerare

Comparare tra di loro diversi conti correnti è la strategia migliore per individuare il prodotto più adatto per le proprie esigenze. I conti però spesso sono molto diversi tra loro e confrontarli potrebbe non essere immediato. Vediamo quindi quali sono i parametri da considerare prima della scelta di un conto corrente.

I costi dei diversi conti correnti

I costi applicati dagli istituti bancari sono quanto di più variabile si possa immaginare. In merito ai conti correnti, i costi da affrontare sono di due tipi: fissi e variabili.Con la definizione di costi fissi ci riferiamo a tutte quelle voci di spesa che non dipendono dall’utilizzo del conto, ma sono sempre dovute, come il canone periodico (mensile o annuale) e le eventuali spese di apertura e di chiusura del conto. Le spese variabili sono invece quelle che dipendono dall’utilizzo del conto stesso, come i servizi a pagamento o le imposte proporzionali alle somme depositate. Si tenga presente che il costo di un conto corrente può variare da zero, con i conti a zero spese, ad una cifra indefinita, diversa per ogni istituto di credito.

Gli interessi sul conto corrente

Un altro parametro da considerare nella comparazione dei conti correnti online ed offline è quello relativo agli interessi attivi riconosciuti. Non tutti i conti riconoscono un interesse attivo sulle somme depositate, ma è pur vero che per somme ridotte il tasso di interesse non è un fattore determinante nella scelta del conto corrente. Per questo motivo la valutazione della convenienza del conto dipende in larga misura dalla somma che si intende depositare sul conto e mantenere invariata, un fattore da valutare attentamente prima della scelta del conto stesso.Si tenga presente inoltre che alcune banche offrono tassi di interesse promozionali per periodi limitati, che possono raggiungere percentuali anche interessanti.

Carte di credito, di debito e ricaricabili

Un terzo fattore al quale prestare attenzione nella comparazione tra conti correnti bancari è quello relativo alla presenza o meno di carte di pagamento. Numerosi conti comprendono nel canone o nell’offerta almeno una carta di pagamento (solitamente un bancomat), ma non è raro che per carte diverse, come le carte di credito venga richiesto il pagamento di una tariffa aggiuntiva. Nel caso in cui si necessiti di questo tipo di strumenti, è bene valutare preventivamente se il costo è compreso o meno nel prezzo del conto corrente, prendendo in considerazione altri tipi di prodotti nel caso in cui il canone per il conto corrente diventasse troppo elevato a causa delle carte di pagamento.

Comparazione tra conti correnti: attenzione ai servizi

Un aspetto importante da considerare nella comparazione tra conti correnti è il numero dei servizi offerti dal conto stesso. Non è raro il caso in cui un conto tutto compreso, presenti servizi che il correntista non intende utilizzare, ma comunque compresi nel prezzo del conto corrente. Possibile è però anche la situazione contraria, e cioè che servizi ritenuti essenziali per il correntista siano presenti solo pagando una tariffa aggiuntiva. In entrambe i casi è bene valutare i costi/benefici del conto corrente, possibilmente avendo chiare fin da subito le funzionalità che si ritengono indispensabili e quelle invece a cui sarebbe possibile rinunciare a patto di un canone richiesto inferiore.

Il fido bancario

Un importante parametro nella comparazione dei conti correnti riguarda la possibilità o meno di accedere ad un fido bancario ed eventualmente gli interessi passivi applicati sullo stesso. Non tutti i conti correnti concedono infatti in automatico questa possibilità ai correntisti, che spesso però trovano questo servizio finanziario molto importante per le proprie esigenze. Si tenga però presente che la possibilità di ricevere un fido non significa che questo verrà concesso, in quanto l’attivazione di questo tipo di servizio finanziario dipende dal profilo del correntista.

Altri prodotti bancari correlati al conto corrente

Un ultimo aspetto che potrebbe essere preso in considerazione nella comparazione tra conti correnti bancari è la presenza di servizi aggiuntivi, che esulano dal conto corrente. Anche se non indispensabili, spesso questi servizi si rivelano utili per alcuni correntisti. Facciamo riferimento ad esempio ai servizi di consulenza sul risparmio e sugli investimenti, che alcuni istituti di credito offrono in abbinamento ai conti correnti di tipologia non standard. Un altro esempio di servizi in abbinamento sono quelli destinati ai liberi professionisti ed alle aziende per le quali di solito vengono offerti servizi aggiuntivi e prodotti finanziari pensati nello specifico per le esigenze aziendali.

La comparazione dei costi e dei servizi offerti dai conti correnti è fondamentale prima della scelta del conto corrente. Consigliamo quindi di dedicare un po’ di tempo a questa fase perché una ricerca accurata, anche con l’aiuto di strumenti di comparazione online, potrebbe rivelarsi molto utile per trovare il conto corrente più adatto per ogni persona.