Il conto corrente può rappresentare una fonte di spese non proprio trascurabili. Basti pensare al proposito come secondo un recente report formulato dagli analisti della Banca d'Italia, le spese per un conto corrente possono attestarsi intorno ai 130 euro all'anno. A patto però di non dare vita a comportamenti errati, che possono costare molto caro a chi li compia, se solo si pensa che taluni sbagli possono comportare perdite tali da attestarsi a 540 euro, sempre all'anno. Proprio queste cifre fanno capire come si possa risparmiare anche cifre rilevanti, a patto di adottare una serie di comportamenti virtuosi. Vediamo quali.

Evitare di andare in rosso

Il primo comportamento errato da evitare assolutamente è quello di andare in rosso. Va infatti sottolineato al proposito come le banche prevedano per evenienze simili un procedimento noto come CIV (acronimo di Commissione d’Istruttoria Veloce), che può arrivare a livelli estremamente elevati, in taluni casi sino a 50 euro, aggiungendo questa cifra al tasso passivo del conto. La CIV viene messa in campo tutte le volte che la soglia del conto viene oltrepassata per più di 500 euro o per qualsiasi ammontare che si protragga oltre la settimana. Per evitare che ciò possa accadere, gli esperti consigliano senz'altro di chiedere un prestito in modo da poter godere di una liquidità in grado di regalare libertà di manovra.

Evitare le operazioni allo sportello, per quanto possibile

Altro accorgimento che può condurre infine a corposi risparmi è evitare per quanto possibile le operazioni allo sportello. Basti pensare al proposito come se i conti correnti varati recentemente prevedono bonifici gratuiti ove eseguiti online o comunque limitati al costo di un euro al massimo, il ricorso allo sportello può comportare un esborso sino a 5 euro.
Anche il pagamento delle bollette presso gli sportelli bancari sarebbe assolutamente da evitare, considerato che in alcuni casi la spesa può attestarsi intorno ai 5 euro. Molto meglio la domiciliazione delle utenze o il pagamento online, facendo leva sulla propria carta di credito.
Infine i prelievi, anch'essi da evitare allo sportello, ripiegando magari sull'ATM. Un accorgimento che può far risparmiare sino a 3 euro per operazione, considerato che il secondo modo di prelievo è totalmente gratuito.

Monitorare il conto corrente online

Anche il monitoraggio del conto online può condurre a consistenti risparmi. Consultare il saldo e i movimenti online è del tutto gratuito, mentre farlo presso la filiale più vicina può comportare un esborso sino a 3 euro. Analogo discorso può essere fatto per l'estratto conto: riceverlo a casa ogni mese costa 24 euro all'anno, la consultazione online è assolutamente gratuita.